Falsi fatti sulla famiglia reale che hai sempre pensato fossero veri



the royal family Getty Images Di Debra Kelly/19 dicembre 2016 15:50 EDT/Aggiornato: 22 maggio 2018 14:31 EDT

Indipendentemente da dove vivi, c'è qualcosa di affascinante nella famiglia reale britannica. Sono un promemoria di un retaggio che dura da generazioni, persistendo nel corso dei secoli e culminando in ciò che vediamo oggi. Vediamo anche come continuerà, ed è quell'enorme eredità che cattura l'attenzione del mondo. Per tutta la pubblicità che circonda ogni momento della vita della Famiglia Reale, ci sono alcune cose che pensiamo di sapere ... ma assolutamente no.

La regina proibì a sua sorella di sposare il suo primo vero amore



the royal family Getty Images

La storia è quella che è stata recentemente resa popolare nel dramma di Netflix La corona, e la sua la storia di una principessa reale rifiutato il diritto di sposare un aviatore divorziato. Secondo la versione diffusa, la principessa Margaret si innamorò del capitano Peter Townsend, pilota della battaglia di Gran Bretagna ed equino sia per il re Giorgio VI che per Elisabetta II. Il problema era che era divorziato e sposarlo sarebbe stato un grande scandalo agli occhi dei reali e della Chiesa d'Inghilterra. Si dice che Elisabetta II abbia abbassato il piede e vietato il matrimonio, non solo non dando il permesso richiesto (come dettato dal Royal Marriages Act del 1772), ma dicendole che se avesse disobbedito, non si sarebbe più trovata in esilio parte della famiglia.

La verità, tuttavia, è ancora più complicata.



All'epoca, il Primo Ministro era un uomo di nome Anthony Eden. Anche lui era stato divorziato e ha modificato l'atto in modo che il matrimonio di Margaret con Townsend non togliesse affatto lei (oi suoi figli) dalla linea di successione. Elisabetta II acconsentì al cambiamento ed Eden avrebbe scritto in almeno una lettera ai suoi ministri che la regina non desiderava trattenere sua sorella da ciò che l'avrebbe resa davvero felice. I documenti ufficiali che avrebbero consentito il matrimonio si trovano negli Archivi nazionali e sono accessibili al pubblico dal 2004. Non è stato fino al 2009 che una lettera da Margherita a Eden ha rivelato i suoi dubbi sul fatto che lo amasse davvero. In esso, dice a Eden che intende decidere nei prossimi mesi se sposerà Townsend o meno, ed è una lettera che chiarisce che Margaret è stata quella che ha preso la decisione in base ai propri sentimenti, non in base a minacce di essere ostracizzati dalla famiglia reale.

La regina non ha bisogno di un passaporto perché è la regina



Queen Elizabeth II Getty Images

È vero che Elisabetta II non ha bisogno di un passaporto (o una patente di guida), ma non per il motivo che molte persone pensano. La maggior parte presume sia solo perché è la regina, e chi la fermerà e le chiederà un documento d'identità ... o le darà un biglietto?


i genitori di lewis capaldi

C'è un altro tipo di ragionamento dietro di lei che non ha bisogno di nessuno dei due documenti, ed è che sono tutti emessi a suo nome. UN Il passaporto britannico recita: 'Il Segretario di Stato di Sua Maestà britannica richiede e richiede in nome di Sua Maestà tutti coloro che potrebbero interessare per consentire al portatore di passare liberamente senza let o impedimento e per offrire al portatore tutta l'assistenza e la protezione necessarie.'

Dal momento che è lei a proteggere i possessori di passaporto, è assolutamente ridondante averne uno per sé. Ecco perché è l'unico membro della famiglia reale a cavarsela senza averne uno (tutti gli altri hanno bisogno della sua autorità per viaggiare). È la stessa cosa con la patente di guida: sono rilasciati sotto la sua autorità, quindi non ha bisogno di darsene una - tecnicamente si dà sempre l'autorità. Dal momento che non ha una licenza, non ha nemmeno bisogno di registrazione o tag sulla sua auto.

Il suo nome non è in realtà Kate Middleton



Kate Middleton Getty Images

Anche quelli che non seguono la famiglia reale sanno che il principe William ha sposato Kate Middleton. Il nome è su Internet e le copertine delle riviste, per quanto puoi vedere, ma il suo nome in realtà non è Kate Middleton. Almeno non più. Ci sono diversi modi in cui dovrebbe essere menzionata, e i media mainstream aderiscono ostinatamente a quello che aveva quando l'abbiamo incontrata per la prima volta.

William la chiama invariabilmente Catherine, la stessa cosa che i media britannici sono stati incoraggiati a chiamarla prima il loro ormai famoso matrimonio reale. È più legittimo, e il suo nome ufficiale è davvero Catherine, Duchessa di Cambridge (o semplicemente, Sua Altezza Reale, La Duchessa di Cambridge). La parte del suo nome 'Middleton' è stata completamente abbandonata quando era sposata, e c'è ancora un altro nome incredibilmente sbagliato da cui occasionalmente viene chiamata. Qualsiasi riferimento a 'Princess Kate' o persino a 'Princess Catherine' è completamente sbagliato, poiché l'unico vero modo per una donna di essere una principessa è nascerne uno. Sposare un principe non dà a qualcuno il diritto di essere chiamato principessa. Ciò che la rende, tuttavia, è la Principessa William del Galles, e per quanto strano possa sembrare, sarebbe la sua unica designazione reale se non fosse stata nominata Duchessa di Cambridge.

Diventa ancora più strano. Quando è in Scozia, diventa Sua Altezza Reale, la Contessa di Strathearn. E in futuro? Quando Charles diventa re e William diventa il Principe di Galles, tecnicamente sarà chiamata Sua Altezza Reale Catherine, Principessa del Galles. Anche se non sarà ancora la principessa Catherine (o la principessa Kate), è probabile che diventerà un modo più comune di riferirsi a lei, simile al passaggio del titolo della madre di William, Diana. Ancora confuso?

La regina non ha alcun potere reale



Queen Elizabeth II Getty Images

Si dice spesso che la monarchia britannica sia un sistema di governo obsoleto e nessuno nella famiglia reale in realtà ha alcun potere - nemmeno la regina. Si dice che siano poco più che polene e figure cerimoniali, ma in realtà la Regina ce l'ha un intero elenco di diritti, doveri e poteri.

Quasi tutti i compiti giudiziari del paese sono stati affidati a vari altri funzionari, ma la regina può ancora concedere il perdono reale. (Il più famoso, è esattamente quello che ha fatto per la violazione del codice della Seconda Guerra Mondiale Alan Turing nel 2013.) Può anche fare cose in gran parte cerimoniali come concedere (e creare) pari, creare ordini di cavalieri e consegnare onori a cittadini comuni. Come comandante in capo ufficiale, ha il potere di dichiarare guerra (anche se di solito è praticata oggi dal Primo Ministro), nominare o rimuovere i Ministri del governo (incluso il Primo Ministro), creare titoli e firmare le fatture legge. Può anche ordinare la requisizione di navi, prendendole dall'uso civile e mettendole in uso governativo o militare. (Quest'ultimo è successo nel 1982, con il QE2.)

Mentre ha il diritto di essere consultata in materia di stato, ha anche un intero elenco di compiti è tenuta a soddisfare. Molti di questi sono passivi, come garantire una successione ininterrotta e fornire una base stabile per un governo in continua evoluzione. Altri includono la ratifica di trattati, la convocazione e lo scioglimento del Parlamento e la sua intera vita letteralmente immersa negli affari dello stato e del governo. Mentre la maggior parte dei politici viene eletta per un mandato, la regina è responsabile della partecipazione a innumerevoli incontri con capi di stato, ambasciatori e funzionari, in ultima analisi una fonte di esperienza e conoscenza che va ben oltre i termini temporanei dei funzionari eletti.

La fidanzata del principe Harry del 2016 presenta uno scandalo razziale inaudito



Prince Harry Getty Images

Nel novembre 2016, Confermato Kensington Palace che il principe Harry usciva ufficialmente con l'attrice e divorziata americana Meghan Markle. All'incirca nello stesso momento in cui arrivò la conferma, ci fu un sacco di copertura mediatica su quanto scandaloso sarebbe stato un incontro tra il principe e un divorzio americano biraziale. È stato sorprendentemente guidato da La posta quotidiana, che secondo come riferito ha scavato nel suo albero genealogico per scoprire dove fossero finite le sue radici.

L'elemento 'scandalo' è quasi certamente lì, per una certa percentuale della popolazione, Il guardiano suggerisce. Ma l'idea di un re biraziale non è certo una novità, e risale a secoli fa. È stato a lungo sospettato che la regina Charlotte, moglie del re Giorgio III, avesse eredità africana grazie al suo legame con il Margherita di Castro e Sousa, un ramo della casa reale del Portogallo. In effetti, poiché allora il matrimonio e la consanguineità erano così dilaganti, Charlotte era imparentata con la famiglia de Sousa in non meno di sei modi diversi. Alcune delle cose scritte su Charlotte all'epoca in cui regnò certamente riflettono una risposta tutt'altro che stellare dalle masse a lei, e anche se il lignaggio di Charlotte è ancora in discussione, ci sono ancora prove sufficienti che gli studiosi lo trovino una possibilità affascinante.

C'è anche la possibilità che la Gran Bretagna abbia avuto un'altra regina nera: Philippa di Hainault, consorte di Edoardo del XIV secolo. Sebbene nulla sia certo, è quasi sicuro al 100% che la relazione 'scandalosa' di Harry non è la prima mai intrapresa da un membro della famiglia reale.

La regina si oppose al matrimonio di Carlo e Camilla



Prince Charles and Camilla Parker Bowles Getty Images

Per anni, la relazione in corso tra il principe Carlo e Camilla Parker Bowles è stata estremamente scandalosa, ancor più se si considera quanto amati principessa Diana era. Nel 2005, Charles e Camilla si sono finalmente sposati una piccola cerimonia civile presso la Windsor's Guildhall. C'erano circa 20.000 persone riunite fuori per vederle andare e venire, ma c'era un ospite che era sospettosamente assente: la Regina. Ciò ha dato origine a tutti i tipi di storie su come aveva commesso il massimo snob e che chiaramente non approvava affatto il matrimonio.


cosa sta facendo Ryan Phillippe adesso

Ma, come tante altre storie, c'era molto altro da fare dietro le quinte. In primo luogo, il matrimonio non sarebbe potuto accadere se la Regina non lo avesse approvato in primo luogo, come richiesto dallo stesso Legge sui matrimoni reali del 1772 che aveva dettato le circostanze del matrimonio della principessa Margaret. A Camilla fu ufficialmente assegnato il titolo di Principessa Consorte, ma anche il BBC ha riferito la decisione della Regina di stare lontano potrebbe avere a che fare con problemi di sicurezza o con la sua disapprovazione. Secondo ai funzionari reali, tuttavia, la vera ragione dell'assenza della regina era la sua esitazione a partecipare a una cerimonia di matrimonio civile piuttosto che religiosa. I suoi titoli includono il Governatore supremo della Chiesa e, tra le domande sul fatto che il matrimonio fosse o meno legale, la Regina riferì di aver scelto di mettere il dovere davanti alla famiglia e di non partecipare. Circolavano voci che non lo fosse 'completamente a proprio agio' con il matrimonio, ma è ben lungi dall'essere assolutamente contrario.

C'è un rigido rigore in atto per incontrare la famiglia



Queen Elizabeth II Getty Images

Ogni tanto, i media impazziscono per un'offesa percepita che si è verificata quando qualcuno che ha incontrato un membro della famiglia reale ha scavalcato la linea. Internet e i media su entrambe le sponde dell'Atlantico erano dappertutto quando LeBron James mise un braccio attorno a Kate Middleton nel 2014, e l'abbraccio della Regina Michelle Obama alla Regina è stato uno shock. Sembra che ci sia probabilmente un rigido insieme di regole per ciò che le persone possono fare, non possono fare e dovrebbero fare quando incontrano la famiglia reale, ma in realtà non è affatto così.

Secondo il Sito ufficiale della British Monarchy, 'non esistono codici di comportamento obbligatori quando si incontrano La Regina o un membro della Famiglia Reale, ma molte persone desiderano osservare le forme tradizionali'. Continua dicendo che la maggior parte delle persone preferisce salutare la famiglia con un inchino o un inchino, ma anche una normale stretta di mano va benissimo. In effetti, anche quelle non regole si può dire che si applica solo ai cittadini britannici e del Commonwealth. Per chiunque altro, non sono la tua famiglia reale.

L'idea di una rigorosa politica non toccante è così radicata nella coscienza pubblica che Buckingham Palace ha dovuto rilasciare una dichiarazione dicendo che non c'era assolutamente nulla di sbagliato o offensivo nel gesto di Michelle Obama, che non era stata data alcuna offesa e non c'erano regole in luogo che aveva trasgredito. Secondo Dr. Kate Williams, uno storico del Royal Holloway di Londra, l'intera idea risale alla credenza medievale nella natura divina di re e regine. Oggi, tuttavia, l'idea rimane radicata nelle masse, ma quelle vicine alla famiglia reale suggeriscono che non è tanto una delle loro preoccupazioni, un cambiamento che è diventato davvero evidente con il modo in cui la principessa Diana si relazionava con le persone.

Il nome Windsor ha radici storiche



Queen Elizabeth II Getty Images

I Tudor, gli Stuart e ora i Windsor. È un cognome che ha radici antiche e antiche ... non è vero?

Il nome Windsor fu annunciato il 18 luglio 1917. Sin dalla regina Vittoria, la famiglia era 'di Sassonia-Coburgo e Gotha', che suona il tedesco come si potrebbe ottenere. Al momento del cambio del nome in Windsor, tuttavia, il sentimento anti-tedesco era così forte in Gran Bretagna quelli che portavano nomi tedeschi erano spesso vittime di crimini d'odio. I giornali chiedevano la segregazione o la deportazione di immigrati tedeschi, austro-ungarici e turchi, e nessuno trascurava l'eredità tedesca della famiglia reale.

Il re Giorgio V e i suoi consiglieri non solo cambiarono il nome reale di Windsor, ma i titoli furono cambiati e i Battenbergs diventarono i Mountbattens. Il nome Windsor è stato scelto per le sue radici molto inglesi, prese da Castello di Windsor. Essendo il più antico e il più grande dei castelli occupati della Gran Bretagna, Windsor è stata la casa di famiglia delle famiglie reali per quasi 1.000 anni. Mentre il nome stesso ha radici antiche, è stato assegnato alla famiglia reale solo dall'inizio del 20 ° secolo. Fu cambiato di nuovo nel 1960, quando Elisabetta II e il Principe Filippo decretarono che i loro discendenti diretti sarebbero stati conosciuti come Mountbatten-Windsor, mentre tutti quelli che discendevano da Giorgio V erano Windsor.